Il Censimento nell’era di YouTube

L’avvio di Census2010, primo censimento statunitense dell’era YouTube, ci proietta inevitabilmente nel vivo di questa nuova tornata censuaria che interesserà via via quasi la totalità dei paesi.

La prima cosa che ci colpisce è il massiccio impiego di nuovi strumenti di comunicazione e di condivisione via web che sembra davvero voler caratterizzare questa tornata. Questa sensazione emerge già da una prima consultazione del sito istituzionale del Census Bureau, ma diventa certezza quando si consulta la pagina che consente di seguire online su mappa i tassi di risposta dei diversi Stati , the Director’s blog, l’ampia sezione informativa, la raccolta di ritratti individuali ricompresi nello storywall.

Lo stesso Presidente Obama ha voluto enfatizzare in un video quanto sia importante partecipare al censimento.

Su YouTube la community gli fa eco rimbalzando video che suggeriscono ai censiti improbabili tattiche di smarcamento dai rilevatori per fronteggiare e sfuggire alla loro invadenza, ma al dunque testimoniano un interesse insolito per il nuovo censimento. E’ possibile ad esempio imbattersi in uno sketch di Saturday Night Live, divenuto un cult, nel quale Tim Meadows e Christopher Walken nel ruolo rispettivamente di rilevatore e intervistato, danno il meglio di loro stessi in un esilarante duetto. Stigmatizzando alcuni dei passaggi più pregnanti “Don’t push your politics on me, pal” “Well, what do most people say?”, ne consiglio vivamente la visione a chi già non lo conosce

Significativa anche la volontà di essere contati che emerge da più parti. In una sezione multimedia dello stesso sito sono ospitati video autogestiti dalle comunità per sottolineare e spingere gli appartenenti a rispondere al censimento e a dichiarare correttamente la loro appartenenza, come nel caso delle comunità LGBT.

Sempre su YouTube le diverse comunità sono presenti con molti spot che sottolineano l’importanza di partecipare per essere adeguatamente rappresentati nel censimento. Questo è, ad esempio, il caso del video della comunità taiwanese, ma anche improbabili e irriverenti video di appartenenti alla comunità iraniana che prefigurano scenari davvero inquietanti.

About these ads

One thought on “Il Censimento nell’era di YouTube

  1. Pingback: SegnalazionIT » I Censimenti e la nascita dell’Information Technology

I commenti sono chiusi.